Ultime dal VALDASTICO NOrd

Da un articolo del 15 novembre sul Giornale di Vicenza veniamo a sapere che il Ministro Lupi ha battuto il pugno sul tavolo e dato un ultimatum a Trento per la costruzione dell’autostrada Valdastico nord.
L´intesa va trovata volenti o nolenti”
15 giorni di tempo per consegnare il tracciato che dal confine veneto arriva in Trentino

Sembra che si faccia sul serio, stavolta, eppure ci domandiamo: sarà vero? Ci sono alcune cose che non quadrano.

1_ La notizia è riportata solo dal Giornale di Vicenza e non dal Gazzettino, che quest’ultimo si sia lasciato scappare uno scoop?

2_ “In Europa, a fronte di determinati impegni presi dal ministro Lupi dopo le rassicurazioni del Trentino, certe figuracce non si possono fare”. La figuraccia l’Italia la sta facendo non perché non finisce l’autostrada a nord, ma perché continua a prorogare una concessione autostradale vecchia di 56 anni, mentre dovrebbe metterla a gara.

3_ “Il progetto approvato dal Cipe è fermo al primo lotto, 24 km da Piovene Rocchette al confine veneto”. Il progetto approvato dal CIPE non riguarda 24 km, ma solo 7,7 km (http://www.novaldasticonord.info/2013/07/comunicato-stampa-pubblicata-la.html) e in realtà l’approvazione del CIPE è decaduta perché la condizione che obbligava la società concessionaria a presentare il progetto completo fino a Besenello fino a Trento entro il 30/06/2013 non è stata rispettata. QUINDI LA CONCESSIONE E’ SCADUTA.

4_ La corte costituzionale (sentenza n 62 del 2011) ha ribadito che la costruzione dell’Autostrada può procedere solo ricercando l’accordo con la Provincia Autonoma di Trento (vedi anche http://www.novaldasticotn.it/wp-content/uploads/2013/10/RobertaRosi12-ottobre.pdf). Cosa intende fare il Ministro Lupi, modificare la costituzione pur di favorire gli amici?

5_ “l´autostrada Valdastico, da Trento e Rovigo, è stata assegnata nel 1970, quando le regole europee non c´erano, la Brescia-Padova ha quindi tutto il diritto di costruirla senza gara”. Semplicemente non è vero.

6_ L’amministratore delegato della A4Holding che amministra la società concessionaria, in un’intervista al giornale di Vicenza del 20 ottobre scorso (http://www.novaldasticonord.info/2013/10/commento-allarticolo-del-giornale-di.html) si è lasciato sfuggire che una concessionaria così ricca da incassare “quasi un milione di euro al giorno” ha buttato via tanti soldi da aver problemi di cassa, forse anche perché ha incamerato (chissà perché?)
la ditta “Infracom con un debito enorme …. un gruppo di tlc che era arrivato ad avere 53 società controllate e/o partecipate e un’esposizione finanziaria di centinaia di milioni di euro ”. Nell’Intervista Burchi confessò che i 13 anni di proroga della concessione autostradale legati la Valdastico nord, erano indispensabili per ripianare i debiti.
Allora servivano 2 anni per convincere Trento ora Lupi accelera a 15 giorni, che debbano comprare un’altra società?

7_ Se davvero questa autostrada è utile al sistema economico perché farla costruire a una società opaca che riesce a mangiare “quasi un milione al giorno?
Non sarebbe opportuno mettere a gara la concessione della Valdastico Nord da sola? Se nessuno vorrà farsene carico si abbandoni un’autostrada antieconomica.
O forse che si tratta di prorogare un monopolio agli amici degli amici?

8_ Se tra 15 giorni la Provincia di Trento non accetterà l’autostrada, gli ulteriori due anni di proroga non avranno alcun senso per cui la concessione si dovrebbe ritenere decaduta. O si ricomincerà da capo?

Ed ecco l’articolo del Giornale di Vicenza http://www.ilgiornaledivicenza.it/stories/Regione/590714_valdastico_roma_d_lultimatum_a_trento/?refresh_ce

 

Tratto dal sito del Movimento http://www.novaldasticonord.info/