Autostrada Valdastico Nord

no_autostrada

ASFALTO, CEMENTO E SMOG UN COCKTAIL MORTALE PER L’AMBIENTE

Premessa:

Nel mese di Marzo 2013 il CIPE ha proposto una delibera per l’approvazione della Valdastico Nord nel tratto veneto. Si tratterebbe solamente del tratto che da Piovene, riallacciandosi all’attuale A31, prolungherebbe la stessa fino al comune di Lastebasse, visto che la provincia di Trento si è sempre opposta a quest’opera.

Osservazioni:

Smog-pianura-padana

Foto satellitare dello smog sulla Pianura Padana

Lo smog uccide. Chi aveva ancora qualche dubbio su quest’affermazione, ora dovrà ricredersi. A rivelarlo l’ultimo rapporto dell’Agenzia Europea dell’Ambiente di Copenaghen, Air Quality in Europe 2011, che ha stimato le morti legate all’inquinamento atmosferico: 310.000 persone l’anno, 50.000 solo in Italia.
La zona più colpita nel nostro Paese è la Pianura Padana. Chi risiede in queste zone a rischio vive tre anni di meno.
I problemi di salute legati allo smog sono principalmente: danni al sistema cardiocircolatorio, con l’aumento di casi d’insufficienza cardiaca e infarti, crisi e infezioni respiratorie ma anche tumori e ipertensione. Come viene specificato nel rapporto europeo, molti di questi fattori possono portare a morti premature, e creare danni permanenti nelle categorie a rischio, come anziani e bambini.

inquinamento-europa

Rilevazione da satellite delle zone più inquinate d’Europa

Tornando all’Air Quality in Europe 2011, lo studio europeo ha anche messo in guardia sul fatto che molte zone superano i limiti di legge in materia di sostanze inquinanti, con ossidi di azoto e metalli pesanti in testa.
Le infrastrutture di trasporto sono fondamentali per il buon funzionamento del mercato interno, per la mobilità di persone e merci e per la coesione economica, sociale e territoriale dell’Unione europea.Ma sapendo che la rete stradale e autostradale nel nord Italia è già ampiamente sviluppata dobbiamo valutare un’alternativa al trasporto di merci su gomma.

Riferendoci a studi effettuati dal DIIAR del Politecnico di Milano risulta che la rete stradale in Germania e più in generale del Nord Europa risulta di una densità quasi dimezzata rispetto al nostro Paese – Germania 1,84 km/km² , Italia 2,82 km/km²-. Anche il rapporto tra abitanti e rete stradale è quasi la metà – Germania 8 Km x 1000 Ab , Italia 14,3 Km x 1000 Ab -. Ciononostante in Germania è stata privilegiato il trasporto di merci per via ferroviaria e fluviale abbandonando i progetti di ampliamento della rete stradale.
Il piano per la realizzazione degli innumerevoli progetti di infrastrutture, anche in fase avanzata , che vede il Veneto in prima linea ci deve portare ad una profonda riflessione sulla vivibilità del nostro territorio proprio a partire dal progetto Valdastico Nord.

Considerazioni:
Considerato poi l’impatto che avrà quest’opera in base alle caratteristiche ambientali e di fragilità dell’intera vallata riteniamo questa autostrada inutile ed in netto contrasto con i piani di sviluppo della UE in quanto nel Piano di Infrastrutture Strategiche (TEN-T) il corridoio europeo Berlino-Palermo, contrariamente a ciò che si vuol far credere, non prevede la realizzazione di questo tracciato, preso atto che esso si basa invece esclusivamente sul potenziamento della rete ferroviaria, e le Alpi sono considerate invece un patrimonio da difendere e tutelare.

Conclusioni:

Alla fine di giugno scadrà il termine ultimo per l’approvazione definitiva dell’intera opera concordato con la Commissione europea. Se la provincia di Trento continuerà ad opporsi, oltre questo termine, decadrà l’intero progetto e sarà necessario riaprire un nuovo bando di concorso. Potranno così partecipare nuove imprese anche straniere ma soprattutto si potrà intervenire sugli aspetti di rivalutazione di impatto ambientale.

Per saperne di più:

 Comitato NO Valdastico NOrd