Contesti figurativi e Ville a Santorso

Le Ville Venete sono un patrimonio storico di livello mondiale che dobbiamo tutelare per le generazioni che verranno, come hanno fatto le generazioni che sono venute prima di noi. E’ importantissimo che i loro contesti figurativi non siano in alcun modo intaccati, rovinati o limitati da costruzioni o da installazioni varie…

Localizzazione:

Le ville interessate al problema sono: Villa Bonifacio, Velo, Rossi a Santorso vicina al centro e Villa Leder sempre nel Comune di Santorso in Località Garziere.

Cronografìa:

  • 2009 – Il Comune di Santorso (VI) conla redazione del PAT (Piano di Assetto Territoriale) trasforma un’area del contesto figurativo di Villa Rossi da produttivo (vecchia fabbrica di cioccolato) a commerciale con approvazione di un progetto di ristrutturazione e ampliamento dello stabile esistente e la  creazione di alcuni esercizi commerciali e direzionali. Il progetto include anche la costruzione di un parcheggio privato ad uso pubblico convenzionato con il Comune anche per la clientela dei negozi. Riguardo al contesto di Villa Leder alle Garziere, il Comune di Santorso ha un progetto per costruire una strada che partendo dalla prima rotatoria del nuovo ospedale dovrebbe passare all’interno del parco della villa e congiungersi con la vecchia strada che dalle Garziere porta a Piovene Rocchette. La Provincia di Vicenza nella redazione del PTCP (Piano Territoriale di Coordinamento Provinciale) esprime parere negativo riguardo alle difformità di perimetro nel contesto di  Villa Rossi e l’invasività della variante della SP 349 che dovrebbe tagliare il contesto figurativo di Villa Leder. Successivamente, si assiste anche all’insediamento di un campo di addestramento cinofilo a fianco del parcheggio, con installazione di una casetta in legno, delle luci e una serie di recinzioni.
  • Aprile 2012 – Il Consiglio Regionale del Veneto approva una delibera nella quale si dice che i contesti figurativi delle Ville Venete possono essere modificati se i Comuni presentano dei progetti specifici e particolareggiati. Gli uffici che si occupano del PTCP della Provincia di Vicenza si vedono costretti a modificare la  normativa  per adeguarla alle nuove disposizioni della  delibera del Consiglio Regionale.
  • Ottobre 2012 – Legambiente chiede chiarimenti al Comune e al proprietario del terreno riguardo alle autorizzazioni del campo addestramento cinofilo davanti a Villa Rossi. Le autorizzazioni non ci sono. In seguito alla verifica da parte della Polizia Locale del Consorzio di Schio, le strutture vengono rimosse ripristinando l’originario stato dei luoghi. L’Assessore del Comune di Santorso responsabile della viabilità assicura Legambiente che il progetto della variante della SP349 alle Garziere è stato accantonato. Quindi la strada che dovrebbe attraversare il contesto figurativo di Villa Leder non si farà.

Considerazioni:

Non si comprende perché i comuni debbano utilizzare delle aree di cosi alto interesse storico e paesaggistico, quando nei loro PAT ben altre possibilità di  aree che possono essere destinati alla costruzione o ristrutturazione di edifici di questa tipologia.

Perché non siamo d’accordo:

Le Ville Venete sono un patrimonio storico di livello mondiale che dobbiamo tutelare per le generazioni che verranno, come hanno fatto le generazioni che sono venute prima di noi. E’ importantissimo che i loro contesti figurativi non siano in alcun modo intaccati, rovinati o limitati da costruzioni o da installazioni varie. Dobbiamo smettere di costruire abitazioni, negozi capannoni e strade e utilizzando ancora territorio. Dobbiamo investire in recupero eco-compatibile di quello che già esiste ed in attività che non comportino ancora utilizzo di suolo e spostamenti continui. Gli spostamenti aumentando i costi dei beni e dei servizi e creano problemi di inquinamento. Cerchiamo di migliorare ciò che già esiste e, quando serve, utilizzare dei sistemi alternativi di trasporto come i mezzi pubblici, il car sharing o il car pooling  per spostarci.

Per saperne di più:

Invia una mail al ns. indirizzo di posta: [email protected]

Guarda il sito FAI – Fondo Ambiente Italiano: www.fondoambiente.it